Arboreto

 

Cephalotaxus fortunei 

Cephalotaxus - unico genere relitto delle Cephalotaxaceae, simile al Tasso ma con aghi più lunghi, originario della Cina e del Giappone, alberi e arbusti sempreverdi, introdotti in europa nel XIX secolo come piante ornamentale

 

Pinus  wallichiana

Pino dell’Hymalaya – Pino Blu – Pino del Bhutan - Originario dell' Himalaya e diffuso a scopo ornamentale a metà del secolo scorso grazie alla crescita rapida e al portamento elegante dato dai caratteristici lunghi aghi penduli (i più lunghi tra i pini). E' pianta eliofila e richiede spazio e luce.

 

Acanthus mollis

Acanto - Acanto era il nome della ninfa che rifiutò Apollo e per questo fu trasformata in fiore.

medicina: Pianta astringente, detergente, emolliente e vulneraria.

arte:Pianta con foglie dai margini largamente frastagliati e con nervature molto pronunciate, di grande effetto decorativo, che trovò nell’architettura antica un vasto impiego, sia nel capitello corinzio, del quale costituisce l’elemento figurativo dominante, sia nel capitello composito e nei fregi.

 

Crataegus monogina o oxiacantha

Il biancospino (Crataegus monogyna, Jacq. 1775) è un arbusto o un piccolo albero molto ramificato con rami spinosi.   Si trova in Europa, Nord Africa, Asia occidentale e America settentrionale e cresce in aree di boscaglia.

Il nome deriva da "kratos" che in greco,  significa forza, e "oxus "aguzzo, ed "anthos" fiore. A causa delle sue punte acuminate, si considera una pianta protettrice delle case ed in grado di allontanare gli spiriti del male. Ha i fiori bianco rosa, 

PARTI USATE: si usano le foglie, i fiori, le sommità fiorite, la corteccia dei rami.

Ha un'azione coronaradilatatrice,azione inotropa positiva,risparmio del consumo di ossigeno da parte del muscolo cardiaco,modulazione della concentrazione intracellulare di Calcio,sedativa sul SNC. E' chiamata la valeriana del cuore.

 

Osmunda regalis

Felce di grandi dimensioni con fronda verde pisello e sporangi inseriti all'apice della medesima, quasi a formare una pannocchia.  Il nome del genere deriva da una divinità nordica, mentre l'epiteto specifico evidenzia la bellezza della pianta.
Unica specie europea di questo genere, è una entità di genesi terziaria che ha potuto conservarsi fino ad oggi, attraversando le glaciazioni del quaternario, grazie alle paludi costiere che per il loro effetto termoregolatore hanno fatto sì che giungessero fino a noi. Testimonianza della primitività di questa specie è la particolare localizzazine delle sporangi. e la maturazione simultanea di questi.
Vive nei boschi umidi, su terreni acidi, spesso ai piedi degli ontani neri. In Italia è ancora abbastanza comune nelle regioni settentrionali ed in quelle tirreniche, rara o assente in quelle orientali ed adriatiche. Ciò sembrerebbe confermare la predilezione di questa pianta per un clima umido di tipo atlantico.

 

Sambucus nigra

Sambuco - famiglia delle Caprifoliacee
Il nome deriva dal greco "sambuchè" , che è uno strumento musicale, in quanto dai rami cavi della pianta si fabbricava un tipo di flauto. E' un arbusto che può raggiungere anche o 3 - 5 - 10 metri, i fiori sono gialli-biancastri a forma ombrelliforme.
Si trova in Europa, America del Nord, Asia occidentale

The plant has been called 'the medicine chest (cassetta) of country people'.

The flowers are the main part used in modern herbalism, though all parts of the plant have been used at times.

The leaves and stems are poisonous. The leaves are purgative.

The dried flowers are diaphoretic, diuretic, expectorant, galactogogue and pectoral.

The fruit is depurative, and gently laxative. The fruit is widely used for making wines, preserves etc The fruit is about 8 mm in diameter

 

Aesculus ippocastanum

Ippocastano - Etimologia: il nome della specie deriva dal greco ippos, cavallo, e castanon, castagno, per l'uso dei frutti di questo albero come alimento stimolante per i cavalli

Originario dell'Europa orientale (penisola balcanica, Caucaso);.

L'Ippocastano può arrivare a 25 - 30 metri di altezza; presenta un portamento arboreo elegante ed imponente. La chioma è espansa, raggiunge anche gli 8-10 metri di diametro restando molto compatta. L'aspetto è tondeggiante o piramidale, a causa dei rami inferiori che hanno andamento orizzontale. I frutti sono grosse capsule rotonde e verdastre, munite di corti aculei, che si aprono in tre valve e contengono un grosso seme di colore bruno lucido prendono il nome di castagna matta.

L'ippocastano trova applicazione nel trattamento dell'insufficienza venosa cronica.

 

Liquidambar orientalis

È un albero di origine Asiatica,. Può raggiungere un'altezza di oltre 25-35 m e la sua chioma (piramidale o arrotondata, a seconda dell'età) un diametro di m 10. Dal tronco della pianta si estrae una resina profumata, dall'aspetto di torba di colore nero. Tale resina, morbida al tatto, può essere posta su carboncini ardenti. Il fumo che si forma è bianco e profumato e una volta dissolto si continua a percepirne per ore la fragranza.  Balsamo x suffumigi vie respiratorie

 

Platanus orientalis

Platano – Le foglie hanno proprietà astringenti e vulnerarie.

 

Cinnamomum camphora

Canfora - Il cinnamomum camphora è grande albero con fusto di 40/50 m di altezza. Le foglie sono lanceolate, coriacee, spesse, persistenti.  Si trova in Asia orientale. In Italia è presente solo se coltivato nell'area mediterranea.