Dahlie d’autunno

Quest’anno l’autunno piovoso e mite ci ha regalato la fioritura di due dalie giganti, la Dahlia Excelsa e la Dahlia Imperialis. Uno spettacolo nuovo e emozionante che ha dato grande soddisfazione a chi ne ha seguito lo sviluppo.

Il genere Dahlia appartiene alla famiglia delle Asteraceae, ed è originaria del Messico. Il nome è un omaggio al botanico svedese Dahl, allievo di Linneo. Le prime Dalie giunsero in Europa nel 1500.

La Dahlia Excelsa Benth. può raggiungere i 2,5 metri di altezza.

La Dahlia Imperialis Roezl ex Ortgies può raggiungere anche gli 8 metri ed è detta Bell tree dalia, (Dalia albero delle campane).

Entrambe le specie hanno fiori rosa – lavanda e fioriscono poco prima dell’arrivo del clima freddo.

Singolare la storia di queste due dalie.

L’Excelsa era da anni una pianta anonima, suddivisa in due ceppi, situata nei pressi dell’Agaveto e mai fiorita, e che anzi stentava ogni anno a resistere, anche perché soffocata da un ombroso esemplare di Ligustrum lucidum. Con uno sforzo titanico Sergio e Amedeo hanno abbattuto il Ligustro e reso possibile la penetrazione della luce. Enzo e Anna hanno quindi spostato il secondo ceppo in fondo al vialetto delle medicinali.

L’Imperialis era stata donata da una gentile signora e giaceva sperduta nell’orangerie. Con le robuste braccia di Roberto e Mario è stata piantata nella zona del vialetto del rettorato.

A novembre e dicembre le 3 dahlie sono tutte fiorite, donando gioia a chi può ammirarle. L’Orto si è arricchito di nuove perle.