L'Associazione

Chi siamo

AMICI DELL'ORTO BOTANICO DELL'UNIVERSITÀ DI GENOVA - ONLUS

 volontari

L' Associazione di Volontariato ha lo scopo di contribuire alla salvaguardia e alla valorizzazione dell’Orto Botanico dell’Università di Genova, nell’ambito di una più generale attività di difesa e conoscenza degli ambienti naturali.
L’Associazione contribuisce alla cura e qualificazione dell'Orto anche attraverso la ricerca e l’acquisizione di nuove essenze; gestisce la sezione delle piante medicinali con attività di ricerca piante, messa a dimora e collaborazione alla manutenzione;
realizza attività educative per le scuole e la cittadinanza in generale (visite guidate, laboratori didattici, corsi); organizza manifestazioni pubbliche e iniziative promozionali e di divulgazione, contribuendo alla fruizione dell’Orto come luogo di attività ricreative e civili; supporta attività di ricerca e didattica svolte nell'Orto Botanico. L'Associazione collabora con altri Orti Botanici e Giardini storici liguri, nazionali e internazionali. Svolge attività esterne per la riqualificazione del verde urbano, del paesaggio e per la conservazione della natura anche in collaborazione con enti pubblici o con privati.

APERTURA SEDE E ORARO DI LAVORO

La sede è presso l'Orto Botanico dell’Università di Genova, in Corso Dogali 1 M 16136 Genova ed è aperta il martedì pomeriggio alle 14,30 alle 17.00 e spesso il giovedì, stesso orario

Qualora la porta della Associazione fosse chiusa in questi orari, cercate i volontari sparsi nell'orto al lavoro o chiamate il numero 333 6127539.

Indirizzo e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Telefono       010 2099371         Fax: 010 2099377   Cellulare:  333 6127 539

 

Organi

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Per il trienno 2015 - 2017

Presidente:
Enzo Parisi

Componenti effettivi del Comitato Esecutivo
:
Anna Maria Gallotti -- VICE PRESIDENTE
Athena Taibi --  SEGRETARIO
Sergio Carlini
Mario Calbi

 

Componenti esperti del Comitato Esecutivo

Liliana Borgati

Paolo De Spirito

Probiviri:

Giuseppina Barberis,
Paola Picone,
Giulio Relini

Revisori dei conti :

Carlo Montanari (Presidente),
Maria Solari,
Maria Pia Turbi

Finalità e attività

Le finalità e le attività sono previste dall’art 2 dello statuto

Art. 2 – Finalità e attività

Scopo della associazione è di contribuire alla salvaguardia allo sviluppo e alla valorizzazione dell’Orto Botanico dell’Università di Genova anche attraverso le seguenti attività:

  • Contribuire al mantenimento e alla cura dell’Orto
  • Contribuire alla ulteriore qualificazione dell'Orto anche attraverso la ricerca, l’acquisizione e la messa a dimora di nuove essenze
  • Contribuire alla raccolta e alla acquisizione dei semi per la gestione di banche del germoplasma
  • Contribuire alla cura della biblioteca e degli erbari
  • Programmare ed effettuare attività educative rivolte sia alle scuole sia alla cittadinanza in generale, quali visite guidate, laboratori didattici, corsi, organizzazione di manifestazioni pubbliche e di iniziative promozionali;
  • Svolgere attività di divulgazione scientifica quali, tra l’altro, l’organizzazione di convegni e seminari
  • Fornire eventuale supporto per le attività di ricerca e didattica svolte istituzionalmente nell'Orto
  • Collaborare con gli altri Orti Botanici e giardini storici liguri eventualmente associati in rete
  • Collaborare con altri Orti Botanici nazionali e internazionali
  • Partecipare a eventuale associazione dell’Orto con giardini pubblici e privati liguri o delle regioni limitrofe
  • Collaborare con Enti pubblici e privati per progetti di qualificazione e riqualificazione ambientale e per la realizzazione o la riqualificazione di orti o giardini botanici
  • Effettuare la ricerca di sponsor pubblici e privati a favore dell’Orto
  • Contribuire alla fruizione dell’Orto come momento di attività ricreative e civili compatibili con la natura dell’Orto stesso
  • Collaborare per la eventuale organizzazione e attività di vendita di gadget, libri, semi e oggettistica
  • Produrre libri, riviste, giornali, materiali audiovisivi, gadgets, oggettistica e materiale promozionale in genere aventi ad oggetto gli scopi associativi
  • Svolgere attività per la riqualificazione del verde urbano e del paesaggio
  • Svolgere attività per la conservazione della natura

Statuto

ASSOCIAZIONE AMICI DELL’ORTO BOTANICO DELL’UNIVERSITA’ DI GENOVA

STATUTO


Art- I - Costituzione
1. E' costituita ai sensi della L. 266/1991 l'organizzazione di volontariato denominata AMICI DELL’ORTO BOTANICO DELL’UNIVERSITA’ DI GENOVA, con sede in Genova, Corso Dogali 1M ,
2. I contenuti e la struttura dell'organizzazione sono democratici.
3. Essa ha durata illimitata e non ha fini di lucro.

Art. 2 – Finalità e attività
1. Scopo della associazione è di contribuire alla salvaguardia allo sviluppo e alla valorizzazione dell’Orto Botanico dell’Università di Genova (d'ora in avanti denominato Orto) anche attraverso le seguenti attività:
• Contribuire al mantenimento e alla cura dell’Orto
• Contribuire alla ulteriore qualificazione dell'Orto anche attraverso la ricerca, l’acquisizione e la messa a dimora di nuove essenze
• Contribuire alla raccolta e alla acquisizione dei semi per la gestione di banche del germoplasma
• Contribuire alla cura della biblioteca e degli erbari
• Programmare ed effettuare attività educative rivolte sia alle scuole sia alla cittadinanza in generale, quali visite guidate, laboratori didattici, corsi, organizzazione di manifestazioni pubbliche e di iniziative promozionali;
• Svolgere attività di divulgazione scientifica quali, tra l’altro, l’organizzazione di convegni e seminari
• Fornire eventuale supporto per le attività di ricerca e didattica svolte istituzionalmente nell'Orto
• Collaborare all’aggiornamento del sito internet dell’Orto
• Collaborare con gli altri Orti Botanici e giardini storici liguri eventualmente associati in rete
• Collaborare con altri Orti Botanici nazionali e internazionali
• Partecipare a eventuale associazione dell’Orto con giardini pubblici e privati liguri o
delle regioni limitrofe
• Collaborare con Enti pubblici e privati per progetti di qualificazione e riqualificazione ambientale e per la realizzazione o la riqualificazione di orti o giardini botanici
• Effettuare la ricerca di sponsor pubblici e privati a favore dell’Orto
• Contribuire alla fruizione dell’Orto come momento di attività ricreative e civili compatibili con la natura dell’Orto stesso
• Collaborare per la eventuale organizzazione e attività di vendita di gadget, libri, semi e oggettistica
• Produrre libri, riviste, giornali, materiali audiovisivi, gadgets, oggettistica e materiale promozionale in genere aventi ad oggetto gli scopi associativi
• Svolgere attività per la riqualificazione del verde urbano e del paesaggio
• Svolgere attività per la conservazione della natura
• Svolgere ogni altra attività utile al raggiungimento dello scopo dell'Associazione.
2. Tutte le attività verranno svolte in accordo con l'ente (attualmente il Dipartimento per lo studio del Territorio e delle sue Risorse) che gestisce l'Orto.

Art. 3 - Organi
1. Sono organi dell'Associazione:
-L'Assemblea degli aderenti;
-Il Comitato esecutivo;
-Il Presidente.

Art- 4 - Assemblea degli aderenti
1. L'Assemblea e costituita da tutti gli aderenti all'organizzazione.
2. Essa è presieduta dal Presidente ed è convocata dal Presidente stesso in via ordinaria una volta all'anno e in via straordinaria ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario.
3. La convocazione può avvenire anche su richiesta di almeno un terzo degli aderenti; in tal caso il Presidente deve provvedere alla convocazione entro 15 giorni dal ricevimento
della richiesta e 1'Assemblea deve essere tenuta entro 30 giorni dalla convocazione.
4. In prima convocazione 1'Assemblea è validamente riunita con la presenza della metà più uno degli aderenti, presenti in proprio o per delega da conferirsi ad altro aderente. In seconda convocazione é regolarmente costituita qualunque sia il numero degli aderenti presenti, in proprio o in delega.
5. Ciascun aderente non può essere portatore di più di una delega.
6. Le deliberazioni dell'Assemblea sono adottate a maggioranza semplice dei presenti, fatto salvo quanto previsto dal successivo articolo 17.
7. L'Assemblea ha i seguenti compiti:
- eleggere i membri del Comitato esecutivo;
- eleggere i componenti del Collegio dei probiviri;
- eleggere i componenti del Collegio dei Revisori dei conti;
- approvare il programma di attività proposto dal Comitato esecutivo;
- approvare il bilancio preventivo;
- approvare il bilancio consuntivo:
- approvare o respingere le richieste di modifica dello statuto di cui all'articolo 17;
- stabilire l'ammontare delle quote associative e dei contributi a carico degli aderenti.

Art. 5 - Comitato esecutivo
1. II Comitato esecutivo è eletto dall'Assemblea degli aderenti ed è composto da cinque membri. Esso può cooptare altri tre membri, in qualità di esperti, con solo voto consultivo.
2. II Comitato esecutivo si riunisce, su convocazione del Presidente, almeno una volta a trimestre e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei componenti. In tale seconda ipotesi la riunione deve avvenire entro 20 giorni dal ricevimento della richiesta.
3. II Comitato esecutivo ha i seguenti compiti:
- fissare le norme per il funzionamento dell'Associazione;
- sottoporre all'approvazione dell'Assemblea i bilanci preventivo e consuntivo annuali;
- determinare il programma di lavoro in base alle linee di indirizzo contenute nel programma generale approvato dall'Assemblea, promuovendone e coordinandone l'attività e autorizzandone la spesa;
- assumere eventuale personale ;
- eleggere il Presidente;
- eleggere il Vice Presidente
- nominare il Segretario;
- accogliere o rigettare le domande degli aspiranti aderenti;
- ratificare, nella prima seduta successiva, i provvedimenti di propria competenza adottati dal Presidente per motivi di necessita e di urgenza.

Art. 6 - Presidente
1. II Presidente, che è anche Presidente dell'Assemblea degli aderenti e del Comitato esecutivo, è eletto da quest'ultimo nel suo seno a maggioranza di voti
2.. Non può essere eletto Presidente personale dell'Università di Genova.
3. Esso cessa dalla carica secondo le norme del successivo articolo 10 e qualora non ottemperi a quanto disposto nel precedenti articoli 4 comma 3, e 5 comma 2.
4, Il Presidente rappresenta legalmente 1'organizzazione nei confronti di terzi e in giudizio. Convoca e presiede le riunioni dell'Assemblea e del Comitato esecutivo.
5. In caso di necessità e di urgenza assume i provvedimenti di competenza del Comitato esecutivo, sottoponendoli a ratifica nella prima riunione successiva.
6. In caso di assenza, di impedimento o di cessazione le relative funzioni sono svolte dal vice Presidente.

Art. 7 - Segretario
1. Il Segretario coadiuva il Presidente e ha i seguenti compiti:
- provvede alla tenuta ed all'aggiornamento del registro degli aderenti;
- provvede al disbrigo della corrispondenza;
- é responsabile della redazione e della conservazione dei verbali delle riunioni
dell'Assemblea e del Comitato esecutivo;
- predispone lo schema del progetto di bilancio preventivo, che sottopone al Comitato esecutivo entro il mese di ottobre, e del bilancio consuntivo, che sottopone al Comitato esecutivo entro il mese di marzo.
- provvede alla tenuta dei registri e della contabilità dell'organizzazione nonché alla conservazione della documentazione relativa, con 1'indicazione nominativa dei soggetti erogati;
-provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese in conformità alle decisioni del Comitato esecutivo;
- è a capo del personale.

Art. 8 - Collegio dei probiviri
1. II Collegio dei probiviri e costituito da tre componenti effettivi e da due supplenti eletti dall'Assemblea. Esso elegge nel suo seno il Presidente.
2. II Collegio ha il compito di esaminare tutte le controversie tra gli aderenti, tra questi e l'organizzazione o i suoi organi, tra i membri degli organi e tra gli organi stessi.
3. Esso giudica ex bono et aequo senza formalità di procedure. II lodo emesso é inappellabile.

Art 9 - Collegio dei revisori dei conti
1. II Collegio dei revisori dei conti è costituito da tre componenti effettivi e da due supplenti eletti dall’Assemblea. Esso elegge nel suo seno il Presidente.
2. II Collegio esercita i poteri e le funzioni previsti dagli artt. 2403 e seguenti del codice civile.
3. Esso agisce di propria iniziativa, su richiesta di uno degli organi oppure su segnalazione anche di un solo aderente fatta per iscritto e firmata.
4. II Collegio riferisce annualmente all'Assemblea con relazione scritta firmata e distribuita a tutti gli aderenti.

Art. 10 - Gratuità delle cariche
1. Tutte le cariche sociali sono gratuite. Esse hanno durata di tre anni e possono essere riconfermate.
2. Le sostituzioni e le cooptazioni effettuate nel corso del triennio decadono allo scadere del triennio medesimo.

Art. 11 - Bilancio
1. Ogni anno devono essere redatti, a cura del Comitato esecutivo, i bilanci preventivo e consuntivo da sottoporre all'approvazione dell’Assemblea che deciderà a maggioranza di voti.
2. Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi o i lasciti ricevuti.
3. Il bilancio deve coincidere con 1'anno solare.

Art. 12 - Aderenti
1. Sono aderenti all’organizzazione quelli che sottoscrivono il presente statuto e quelli che ne fanno richiesta e la cui domanda di ammissione è accolta dal Comitato esecutivo.
2. Nella domanda di ammissione l’aspirante aderente dichiara di accettare senza riserve lo statuto dell'organizzazione. L'ammissione decorre dalla data di delibera del Comitato esecutivo.
3. Gli aderenti cessano di appartenere all'organizzazione per:
- dimissioni volontarie;
- non aver effettuato il versamento della quota associativa per almeno due anni;
- indegnità deliberata dal Comitato esecutivo; in quest'ultimo caso è ammesso ricorso al Collegio dei probiviri il quale decide in via definitiva.
4. Tutte le prestazioni fornite dagli aderenti sono a titolo gratuito.
5. Rimborsi spese possono essere riconosciuti nei termini di cui all’art. 2 comma 2 della Legge 266 / 1991

Art. 13 - Diritti e obblighi degli aderenti
1. Gli aderenti hanno diritto di partecipare alle Assemblee, di votare direttamente o per delega, di svolgere il lavoro preventivamente concordato e di recedere dall'appartenenza all'organizzazione.
2. Gli aderenti hanno 1'obbligo di rispettare le norme del presente statuto, di pagare le quote sociali e i contributi nell'ammontare fissato dall’Assemblea e si impegnano a prestare il lavoro preventivamente concordato.

Art. 14 - Quota sociale
1. La quota associativa a carico degli aderenti è fissata dall’Assemblea. Essa è annuale: non é frazionabile né rimborsabile, in caso di recesso o di perdita della qualità di aderente.
2. Gli aderenti non in regola con il pagamento delle quote sociali non possono partecipare alle riunioni dell’Assemblea né prendere parte alle attività dell'organizzazione. Essi non sono elettori e non possono essere eletti alle cariche sociali.

Art. 15 - Risorse economiche
1 L'organizzazione trae le risorse economiche per il funzionamento e lo svolgimento della
propria attività da:
- quote associative e contributive degli aderenti;
- contributi dei privati;
- contributi dello Stato, di enti e di istituzioni pubbliche;
- contributi di organismi internazionali;
- donazioni e lasciti testamentari;
- rimborsi derivanti da convenzioni;
- entrate derivanti da attività commerciali e produttive marginali;
- rendite di beni mobili o immobili pervenuti all'organizzazione a qualunque titolo.
2. I fondi sono depositati presso I'Istituto di Credito stabilito dal Comitato esecutivo.
3. Ogni operazione finanziaria é disposta con firme congiunte del Presidente e del Segretario.

Art. 16 - Scioglimento o estinzione
1. In caso di scioglimento, cessazione o estinzione dell'Organizzazione i beni che residuano dopo l'esaurimento della liquidazione sono devoluti ad altre organizzazioni di volontariato operanti in identico o analogo settore.

Art. 17- Modifiche allo statuto
1. Le proposte di modifica allo statuto possono essere presentate all'Assemblea da uno degli organi o da almeno cinque aderenti. Le relative deliberazioni sono approvate dall'Assemblea con il voto favorevole della maggioranza assoluta degli aderenti all'organizzazione.

Art. 18 - Norma di rinvio
1. Per quanto non previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle vigenti disposizioni legislative in materia.